salute
 

NOÉ COSTRUÍ L’ARCA PRIMA DEL DILUVIO!

 
Cosa intendiamo con questa frase? Quando osserviamo come in genere ci si comporti da “carogne” con alcune razze di cani, sotto il mantello dell’ÖKV (ENCI austriaco), iniziamo anche noi a sudare per la paura. E siamo doppiamente felici di allevare cani “secondo natura”, che speriamo non diventino mai di moda. Si pensi solo agli episodi di cani da combattimento, per i quali proprietari ed allevatori conscienziosi hanno dovuto e devono soffrire.
Anche riguardo a razze che sempre piú si riproducono attraverso l’inseminazione artificiale o il taglio cesareo, la natura ci puó insegnare qualcosa.

foto gesundheit
 
La nostra critica vuole invitare ad uno scambio positivo, construttivo e di profilassi. Noi prendiamo le distanze da una critica senza fatti e prove!
 
Anche gente che non sa molto di piú se non che un cane ha 4 zampe, si sente ugualmente legittimata in ogni occasione a scrivere nei giornali accuse ingiuste contro tutti i cani, per il semplice fatto che tutto ció che non si conosce viene considerato pericoloso. Perché? Perché ad esempio politici “invertebrati” riprendono volontieri temi apparentemente cosí facili da trattare, passando leggi regionali assurde, lontane da ogni realtá. Noi crediamo che una societá che non sa piú rapportarsi con gli animali abbia un serio problema di degenerazione.
 

Le mucche, come erbivori, devono mangiare farine d’origine animale, i maiali ricevono a causa del loro allevamento di massa antibiotici cancerogeni, i volatili vengono tenuti in gabbie talmente piccole da fargli perdere le piume e dove la salmonella puó “proliferare” con facilitá e tutta questa assurditá sembra non fermarsi nemmeno con i cani.
Per questo viene chiesta alla gente la propria opinione, perché trovi la forza di riflettere ed agire di conseguenza. Quelli che hanno un minimo di carattere mettono in luce e “deridono” certi “tradizionalismi” e vicoli ciechi di associazioni ed istituzioni, anche quando per questo si trovano a dover fare i conti con i pregiudizi di certe persone.
Noi comunque consideriamo importante che questa nostra critica positiva venga interpretata, se possibile, in tutta la sua serietá e con la sua cordialitá.

 

foto 2 gesundheit

Dipendiamo tutti uno dall’altro. L’allevatore ha bisogno di cani “esterni” all’allevamento per evitare insanguamenti di qualsiasi tipo e di padroni che sappiamo rapportarsi col proprio animale.

Fin’ora siamo riusciti, noi “del Giardino della Libertá” a dare vita ad un amichevole gruppo costituito dai proprietari dei nostri cuccioli, cosa che ci rende molto orgogliosi. Purtroppo peró ci sono ancora fin troppe persone che alla fine della loro vita si lasciano alle spalle solo dell’ “immondezza”.

Il vostro Giardino della Libertá

 
 
indietro